Venerdì, 17 Settembre, 2021

Report Viaggio Studio | Lisbona 2017

Conclusa la tre giorni portoghese della delegazione UEA, impegnata nell’annuale Viaggio Studio, il pensiero è duplice. La prima: in un mercato più “giovane”, meno strutturato e redditizio di quello italiano, il rapporto Intermediario-Compagnia è più marcatamente orientato alla partnership, le Imprese incentivano il plurimandato e  la crescita professionale e imprenditoriale degli Agenti. La seconda: il senso, tangibile e più volte ribadito dai partecipanti, dell’essere Soci Uea sta in queste occasioni di scambio e confronto, soprattutto tra colleghi, attraverso la condivisione di esperienze e conoscenze differenti, che portano alla creazione di rapporti di amicizia e collaborazione professionale. “Ancora una volta – ha sottolineato in chiusura il Presidente Roberto Conforti – con la partecipazione di tutti noi abbiamo confermato l’unicità di Uea”.

Negli incontri istituzionali, organizzati giovedì e venerdì scorso, a Lisbona, i partecipanti al Viaggio Studio hanno potuto approfondire diversi aspetti del sistema assicurativo, distributivo e normativo portoghese – in quell’ottica comparativa che contraddistingue da sempre le esperienze internazionali di Uea – e le dinamiche locali messe in atto da un player globale come Allianz.

In sintesi, le relazioni della prof. Margarida Lima Rego (Università Nova di Lisbona) e dell’avv. Helena Tapp Barroso (Studio Legale Mlgts) hanno fornito una panoramica complessiva del mercato per poi scendere nel dettaglio di due temi-chiave sui quali Uea ha da tempo concentrato l’attenzione e sui quali tornerà nei prossimi mesi con nuovi contributi: IDD e Data Protection. 

Il contesto distributivo portoghese in pillole (dati ASF – Authority di Vigilanza).
Gli intermediari assicurativi sono 21.426 di cui:

  • 18.156 persone fisiche (31.8% donne)

  • 3.270 persone giuridiche

  • 12.690 agenti “plurimandandatari”

  • 8.652 agenti “monomandandatari”

  • 71 grandi broker

  • 13 intermediari di riassicurazione

  • Premio medio Rc auto: 180-200 euro

  • Commissioni: tendenzialmente intorno al 10%

Di particolare interesse l’incontro con il direttore vendite di Allianz, Manuel Dias da Costa, che attraverso il racconto della parabola evolutiva che ha portato la Compagnia a crescere del 41% tra il 2011 e il 2016, ha descritto un modello di business basato su una partnership forte e strategica con gli Agenti. La decisa accelerazione sul fronte digital non ha portato la Compagnia a sviluppare un canale di vendita diretta, “l’unico modo per essere clienti Allianz in Portogallo – ha chiarito Costa – è attraverso un intermediario”. Intermediario che vive il rapporto con la Compagnia con forte senso di appartenenza, ma non di esclusività: gli oltre 5.700 agenti Allianz sono per la maggior parte plurimandatari e l’obiettivo quello di avere a disposizione più soluzioni per poter soddisfare le esigenze del cliente.

I numeri del mercato portoghese, le slide presentate dai relatori e la sintesi degli interventi dei Soci alla tavola rotonda saranno oggetto del Dossier “Attualità Uea” dedicato al Viaggio Studio 2017.  Qui e sulla pagina Facebook @UnioneEuropeaAssicuratori la photogallery del viaggio.


Questo Sito utilizza cookie per migliorare l’esperienza di navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’utilizzo del sito stesso. Se desideri avere maggiori informazioni, puoi consultare la "cookie policy".
Facendo clic su "Accetto", se accetti il nostro utilizzo di cookie. Accetto